Chi gestisce un Rifugio per animali abbandonati come me dal 1990 ha incontrato in tutti questi anni tanti animali, molti dei quali sono stati protagonisti di storie che meritano di essere raccontate
.
      Cominciamo con Nerone, un bel meticcio di taglia medio grande, nero a pelo raso , che nel 1995, a circa 4 anni è arrivato al Rifugio trovato nelle vicinanze di Perugia.
      Nerone era un bell'esemplare, buono con le persone e con i suoi simili, troppo buono, tanto che un giorno fu attaccato dai suoi compagni di sventura che gli procurarono una brutta ferita al collo.
     Fu operato con tempestività, curato con tanto amore, rimesso a nuovo ed inserito in ampio recinto con una sola compagna che non poteva certo fargli del male.
     Viveva tranquillo, con gli stessi operatori che lo accudivano tutti i giorni, gli stessi volontari che lo coccolavano e la stessa compagna di vita fino a quando un ragazzo che voleva adottare un cane, tra tanti si è innamorato proprio di Nerone.
     Ciò avveniva nel 2001 quando il nostro eroe aveva raggiunto la veneranda età di 10 anni.
     Abbiamo cercato di dissuadere il giovane ragazzo in tutte le maniere, ma l'amore a prima vista era più forte di qualsiasi altra decisione.
     Allora siamo andati a controllare la casa dove sarebbe stato introdotto Nerone e non potevamo che constatare la regolarità di quanto richiesto: una bella casa, un bel giardino, la possibilità di entrare e uscire, una recinzione perfetta. Tutto quello che si richiede per l'adozione di un cane c'era.
     Quello che ci frenava era l'età di Nerone ed il fatto che era stato con noi, in un ambiente familiare, per sei anni.
     Dopo aver ragionato molto sui pro e i contro di tale adozione, decidemmo di dare la possibilità a Nerone di finire la sua vita con una vera famiglia.
     Lo accompagnammo nella nuova dimora, a circa 20 km dal Rifugio, lo lasciammo con un grande dolore ma comunque contenti perché la famiglia era veramente ottima.
     Dopo circa 15 giorni il ragazzo tornò al Rifugio disperato perché Nerone era riuscito a scappare e da giorni lo stava cercando senza alcun risultato.
     Potete immaginare quello che successe al Rifugio, un grande subbuglio, un grande rimorso, tanti sensi di colpa. Dopo circa una settimana , una mattina l'operatore mentre stava aprendo il cancello del Rifugio si è accorto che lungo il viale esterno che circonda i recinti c'era un cane che a prima vista sembrava malato, camminava a fatica e poi si è accasciato a terra.
     Avvicinatosi al cane riconobbe subito Nerone ed insieme al medico veterinario lo fece entrare e gli prestarono le cure del caso riportando in breve tempo Nerone in quasi perfetta forma.
     Nerone agli agi della casa, alle coccole di un ragazzo che lo aveva scelto per sua compagnia, aveva preferito il suo bel recinto grande, la sua compagna, la sua grande famiglia composta da tutti gli ospiti del Rifugio, dagli operatori, dai volontari, dai medici veterinari, da tutti coloro che lo avevano già salvato due volte nella sua vita.
     Nerone è vissuto felice nel luogo da lui scelto per altri 5 anni; è deceduto alla veneranda età di 15 anni nel 2006.
     Nerone non è l'unico cane dato in adozione a tornare al Rifugio, in questi anni altri 4 cani hanno seguito il suo esempio
Nerone
NERONE
P.M.T.
[ 1 ]
[ 2 ]
[ 3 ]
[ 4 ]
[ 5 ]
[ 6 ]
[ 7 ]
ONLUS
enpaperugia onlus
Via della Valtiera Collestrada
NUMERI UTILI
Rifugio "F.Susa" 075 398490
Ambulatorio Veterinario 393 9514086
Canile Sanitario 075393166
Reperibilità ASL 07581391
ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI SEZIONE DI PERUGIA
La formazione
Le nostre
storie

Archivio
News
Altre
attività
Adozioni
Il Parco
Rifugio
Come
aiutarci
HOME
L'Associazione
Il Centro
Ospitalità
Animali
Servizi
veterinari
Contattaci